motore.png
lavaggio motore.png
Pulire il vano motore è una pratica da non sottovalutare: si tratta, infatti, di una delle componenti dell’auto che tende a sporcarsi molto facilmente e, a differenza di quel che si potrebbe pensare, grasso e unto non ne garantiscono la massima funzionalità, bensì tendono a comprometterla. Il lavaggio del vano motore è, infatti, consigliato da tutti i meccanici in caso di perdite di olio o carburante, sia per evitare il rischio di incendio sia per operare sulla meccanica in sicurezza, ma anche per tutti coloro che ci tengono a vedere la pulizia anche aprendo il cofano.
Il lavaggio è svolto con acqua calda (circa 120° C), ma a bassa pressione (80-100 bar): viene quindi erogato un getto di vapore, che consente di umidificare le diverse parti da pulire senza però bagnarle eccessivamente, preservando così le componenti elettroniche. Inizialmente viene quindi nebulizzato il vapore in combinazione a specifici prodotti per il lavaggio del motore, che preservano l’integrità anche delle componenti plastiche; successivamente viene impiegata l’idropulitrice ed infine si procede con l’asciugatura: le componenti elettriche vengono asciugate con aria compressa, mentre la componenti meccaniche vengono lasciate asciugare all’aria.
 
La ditta non si assume la responsabilità di eventuali danni arrecati agli impianti elettrici e, per tale motivo, viene quindi richiesta la compilazione di un modulo di scarico di responsabilità.
WhatsApp Image 2020-06-17 at 09.07.19 (1
WhatsApp Image 2020-06-17 at 09.07.22 (1
WhatsApp Image 2020-06-17 at 09.07.22 (2